Scritto da:Apple Languages
Data di pubblicazione:20th February 2017
Pubblicato in:Home / Destinazioni / Brasile / Sao Paulo / Studiare a São Paulo, Brazil

Studiare a São Paulo, Brazil

Esattamente un mese fa, sono tornato da un soggiorno di 6 mesi in Brasile, previsto dal mio percorso accademico. Avrei potuto trascorrere quei mesi presso qualsiasi università, ma ho scelto quella di São Bernardo do Campo. Si tratta di una città che fa parte dell’area metropolitana di São Paulo.

Avendo studiato la lingua e la cultura portoghese per un anno e mezzo, possedevo già, almeno a livello teorico, qualche conoscenza base. Se avete intenzione di andare in Brasile, conoscere un po’ di portoghese potrebbe risultarvi utile. Infatti, a differenza dell’Europa, qui l’inglese non è molto diffuso.

Prime impressioni

Quando sono arrivato in Brasile, la prima cosa che ho notato è stata la difficoltà nel comprendere quello che le persone mi dicevano. Ad esempio, se sfoderate il classico “tudo bem?” (come stai?), verrete immediatamente sommersi da domande di ogni genere.

Una volta che ci avrete fatto l’orecchio, vi renderete conto che i Brasiliani sono genuinamente interessati a saperne di più sul vostro conto. Da dove venite, cosa fate, ecc. Durante i corsi che seguivo all’università, gli studenti più giovani erano piuttosto restii a parlarmi, dal momento che non si sentivano molto sicuri del loro inglese. Gli studenti più grandi, invece, si sono dimostrati molto più propensi a parlarmi in portoghese o nel loro inglese “non così fluente”. Ovviamente c’erano anche studenti che, come me, avendo fatto un’esperienza di studio all’estero, conoscevano bene l’inglese.

Viaggiare

La prima cosa da dire sul Brasile è che si tratta di un paese enorme, che vanta un numero incredibile di tesori naturali. Purtroppo non sono riuscito a visitarli tutti. Innanzitutto, c’è la famosa foresta Amazzonica, ma anche la non altrettanto conosciuta foresta Atlantica. Sono entrambe fantastiche grazie all’incredibile varietà di fauna e piante. Altre meraviglie naturali piuttosto conosciute sono le Cascate dell’Iguazù (ovvero le cascate più grandi del mondo), le meravigliose spiagge che si trovano a nord-est e molto altro.

Durante il mio soggiorno, ho visitato Rio de Janeiro, essendo una delle località preferite dai turisti, insieme alle spiagge a nord-est di São Paulo. Visitare Rio è davvero un must! Anche qui si trovano delle spiagge bellissime, un paio di monti e ovviamente la statua del Cristo Redentore (Cristo Redentor) che sovrasta la città in tutta la sua grandezza. Le baraccopoli (conosciute come favelas in portoghese) sono piuttosto pericolose, ma al tempo stesso costituiscono un panorama piuttosto suggestivo. Se lo si desidera, è inoltre possibile fare una visita guidata delle favelas più tranquille.

Poco prima dell’inizio del mio semestre all’estero, ho visitato una piccolissima città vicino all’Oceano Atlantico, Trindade. In origine, era un villaggio di pescatori, ma col tempo è divenuto sempre più turistico grazie al suo panorama mozzafiato e alla sua tranquilla spiaggia. Vanta inoltre una piscina naturale. Durante il mio soggiorno a Trindade, ho avuto modo di visitare anche la vicina Paraty con degli amici, dove abbiamo affittato una barca. Quest’esperienza si è rivelata una delle più rilassanti della mia vita.

La gente

È forse la cosa del Brasile che mi è piaciuta di più! I Brasiliani sono davvero incredibili. Durante il mio soggiorno, ho vissuto con una famiglia del posto (madre e figlia). Fin da subito mi hanno fatto sentire parte della famiglia, portandomi alle feste dei loro amici e in molti altri posti interessanti.

Fare amicizia si è rivelato incredibilmente facile a São Paulo. Stando a quanto mi hanno detto, si tratterebbe della città più aperta del Brasile. Ho infatti notato che molte persone apprezzavano il mio essere straniero anziché guardarmi con diffidenza. Ai negozianti, così come alle persone per strada, piaceva correggere il mio portoghese e mostrarmi “come si fanno le cose dalle loro parti”. Anche se spesso per spiegarmelo dovevano fare affidamento ai gesti o ad altre persone nelle vicinanze.

La maggior parte degli studenti brasiliani possiedono una macchina, dato che i trasporti pubblici non sono particolarmente efficienti. Per andare da São Bernardo do Campo al centro di São Paulo, in macchina ci si impiegano tra i 30 minuti e le 2 ore, a seconda del traffico. Ma nonostante ciò, io e i miei amici prendevamo spesso la macchina per andare in centro la sera. Il che si ricollega al fatto che i Brasiliani amano le feste e soprattutto invitartici!

Cosa ho imparato

Il mio soggiorno in Brasile è durato 6 mesi, anche se a me è sembrato molto meno. A ripensarci, credo di essere cresciuto parecchio. Certo, ho visto un sacco di cose e ho imparato il portoghese, ma sono anche diventato più rilassato (ovvero ho iniziato a fare le cose con calma, anziché essere sempre di fretta). Inoltre sono diventato più socievole (mostrando interesse nei confronti delle persone anziché perdermi nei pensieri). E per concludere, ho stretto dei legami che sono sicuro dureranno per sempre. Un giorno ho intenzione di ritornare in Brasile.
Prima è, meglio è!

-Tristam