Scritto da:Apple Languages
Data di pubblicazione:15th September 2017
Pubblicato in:Home / Destinazioni / Spagna / Santiago de Compostela / Non sottovalutate Santiago de Compostela

Non sottovalutate Santiago de Compostela

Barcellona e Madrid sono le città più visitate della Spagna, tuttavia questo paese offre un sacco di altri posti altrettanto interessanti. Uno di questi è senza dubbio Santiago de Compostela!

In questo post vorrei spiegarvi cosa rende questa città della Galicia così speciale…e perché Santiago de Compostela dovrebbe essere la vostra prossima meta per un corso di lingua!

Una città ricca di storia e cultura

Per quelli di voi che desiderano visitare una città ricca di storia e cultura, Santiago de Compostela fa proprio al caso vostro! In quanto capitale della Galicia, i Celti, i Romani e i popoli Germanici si sono avvicendati nel corso degli anni. Ancora oggi, il paesaggio urbano rispecchia il suo passato storico.

La Cattedrale di Santiago de Compostela (La Catedral de Santiago de Compostela) è il monumento più famoso della città, nonché tappa finale del Cammino di Santiago. Costruita nel IX secolo, è dedicata a San Giacomo, la cui tomba pare si trovi sotto la cattedrale stessa. Non solo potrete visitarne l’interno, ma avrete anche la possibilità di assistere alla cerimonia tradizionale del Botafumeiro. Si tratta di una cerimonia destinata alla purificazione dei pellegrini. L’incenso viene bruciato all’interno di un ampio recipiente appeso ad una lunga corda e fatto oscillare per tutta la cattedrale. Un evento al quale vale la pena di presenziare, anche per coloro che non partecipano al pellegrinaggio!

Ma la cattedrale non è l’unica in cui potrete ammirare l’incredibile patrimonio storico e culturale di questa città. Anche il centro storico, infatti, ha un grande valore dal punto di vista architettonico, incluse le strade. Oltre alla cattedrale, vi sono molte altre chiese e monasteri minori. Queste includono il Monastero e la Chiesa di San Martiño Pinario (Monasterio e Iglesia de San Martiño Pinario) e la Chiesa di Santa Susana (Iglesia de Santa Susana).

Le piazze e i musei di Santiago

La città offre anche alcune meravigliose piazze, come Plaza del Obradoiro, dove troverete un sacco di bellissimi edifice tra cui la cattedrale e il municipio. La Plaza de Platerías è un altro bellissimo spazio pubblico, famoso per la sua Fontana. Andate a dare un’occhiata all’acqua che sgorga dalle sculture di pietra a forma di testa di cavallo!

Se amate i musei e volete saperne di più riguardo la storia e la cultura della Galicia e dei suoi abitanti, dovete assolutamente aggiungere il Museo do Pobo Galego (Museo del popolo Galiziano) alla vostra lista delle cose da vedere! Questo museo vi darà un assaggio degli usi e costumi tradizionali, dell’architettura e molto altro ancora! Il nome stesso del museo è la prova che il galiziano (Galego) è ancora molto diffuso. Se sceglierete un corso di lingua a Santiago de Compostela non solo migliorerete il vostro spagnolo, ma imparerete anche qualche parola in galiziano da sfoggiare con amici e parenti. Sempre che decidiate di tornare a casa!

Pace e tranquillità nel cuore della città

Se durante il vostro soggiorno volete rilassarvi, Santiago offre numerose opportunità. Un posto ideale è per esempio El Parque de la Alameda, dove potrete fare una passeggiata, un picnic o semplicemente riposarvi su una delle sue panchine. La più famosa è El banco de los enamorados (La panchina degli innamorati), fatta di granito e dalla caratteristica forma semicircolare. Da qui potrete godere di un’incredibile vista sulla cattedrale! Se un solo parco non vi basta, vi suggeriamo El Parque de Bonaval e El Parque de Belvís, giusto per citarne un paio. Entrambi i parchi offrono una fantastica vista sulla città!

Una valida alternativa alla costa mediterranea

Se il vostro soggiorno a Santiago de Compostela ve lo consente, vi consiglio di trascorrere una giornata al mare. La costa atlantica si trova a solo un’ora di macchina e scoprirete che è molto diversa da quella mediterranea. Le spiagge sono fantastiche e libere dal turismo di massa, permettendovi di godere della loro bellezza naturale. Se non avete voglia di guidare, a soli 20 minuti da Santiago de Compostela troverete il fiume Tambre, che rappresenta una valida alternativa. Le sue rive sono una vera e propria oasi di pace.

Una cucina regionale che non ha eguali

Ma non dimentichiamoci le deliziose specialità regionali! Visitare la città vi ha messo fame? Allora lasciate che vi presenti alcune peculiarità della gastronomia regionale e vi consigli alcune specialità che dovete assolutamente assaggiare.

Iniziamo dal mercato del centro storico, il Mercado de Abastos. Ogni giorno, dal Lunedì al Sabato, vende prodotti regionali freschi, come ad esempio pesce – appena pescato! Inoltre, potete mangiare al ristorante Abastos 2.0, nei pressi del mercato, e che offre piatti preparati con ingredienti che arrivano direttamente dal mercato. Questo significa che il menu cambia ogni giorno.

In generale, i piatti tipici della cucina regionale sono a base di pesce e frutti di mare, maiale, vitello e salsiccia (come il famoso chorizo). Vale la pena di assaggiare anche il formaggio regionale. Il più famoso, a base di latte vaccino, è forse il queixo tetilla. Un altro piatto della tradizione regionale è il cocido gallego, uno stufato di carne e ceci. Se amate i frutti di mare, allora non potete perdervi le vieiras (capesante), tipiche della Galicia. Un’altra delizia sono le empanadas, ovvero pasticci ripieni di peperoni, pomodori, cipolle con l’aggiunta di tonno, pesce, frutti di mare, carne macinata o pollo, in base alle vostre preferenze. Questa prelibatezza è diventata famosa al punto da poterla trovare ovunque in Spagna. Nonostante ciò, la ricetta è originaria della Galicia e senza dubbio i suoi abitanti sanno meglio di chiunque altro come prepararle!

Un dolce preferito spagnolo

Se avete ancora spazio per il dessert, allora dovete assolutamente provare la Tarta de Santiago. Si tratta di una torta di mandorle, decorata con la Croce di San Giacomo nella parte superiore.

Se siete in vena di una cena tradizionale il mio consiglio è il seguente:

  • Antipasto: Vieiras gratinadas (capesante gratinate)
  • Primo: Cocido gallego
  • Dolce: Tarta de Santiago orTarta de Queixo Tetilla (cheese cake a base di queixo tetilla)

Ovviamente ogni cena che si rispetti necessita di un buon vino. I due più famosi sono il Ribeiro e l’Albariño, entrambi bianchi. La regione offre anche diversi liquori, come ad esempio il licor de hierbas (liquore alle erbe) e il licor café (liquore al caffè). Ma non è tutto! Preparato seguendo un procedimento particolare, il Queimada è un altro liquore molto celebre che viene “cotto” pronunciando un conxuro (incantesimo) per tenere lontane streghe e folletti durante la preparazione.

Spero di avervi convinti a visitare questa città antica e dall’incredibile fascino e magari di aver stuzzicato in voi la voglia di prenotare un corso di spagnolo a Santiago de Compostela. C’è davvero tanto da scoprire. La capitale della Galicia, infatti, offre un assaggio di questa parte della Spagna che vanta un incredibile patrimonio culturale e una posizione vantaggiosa sulla costa atlantica.

– Sabrina